FastIdle

146,40  (costi trasporto esclusi)

FastIdle è un sofisticato circuito che permette di regolare facilmente il minimo sui motori a iniezione più datati o che sono stati modificati bifuel (benzina/GPL o benzina/metano).
La regolazione avviene facilmente (tramite cacciavite) sul punto di regolazione posteriore e permette di aggiustare al meglio la percentuale carburante/aria percepito dalla centralina permettendo di stabilizzare il regime del minimo del motore.

Non richiede la rimappatura della centralina.

Il prodotto si adatta perfettamente anche alle moto o auto modificate per le corse.

Il segnale prodotto sarà perfettamente compatibile e rispondente ai segnali che si aspettano le centraline motore (ECU) di tutte le marche.
Con FastIdle si evita anche di dover manomettere e riprogrammare i parametri base della centralina eliminando il costo dello specialista.

Ulteriori informazioni sono disponibili su questa pagina.
E’ possibile scaricare il manuale d’uso del prodotto in PDF da qui.

Share

Descrizione

regolare il regime del minimo nei motori datati

Il logo Fast Idle

FastIdle è un sofisticato e compatto circuito che genera un segnale da aggiungere a quello della sonda lambda posta prima del catalizzatore e non richiede la rimappatura della centralina.
Tale segnale è regolabile (tramite trimmer) e permette di far aggiustare al meglio il valore di carburante/aria percepito dalla centralina permettendo di stabilizzare al meglio il regime del minimo di giri del motore.
Le sonde Lambda sono sensori installati sui più recenti motori ad iniezione che informano la centrale di controllo motore (ECU) dello stato di efficienza e funzionalità del motore, della regolare combustione e il giusto apporto aria/carburante.
Sono sistemi sofisticati anche piuttosto delicati che solitamente riescono a rimanere in perfetta efficienza per oltre 100-150.000 Km percorsi.

Purtroppo a volte, per problemi di usura, per difetti o per modifiche del tipo di alimentazione del motore, questi sensori si trovano a non fornire più alla centralina i giusti segnali di regolazione e iniziano dei fastidiosi errori o strane anomalie; in taluni casi di conversione di alimentazione (tipo gpl/benzina o metano/benzina) ne seguono anche tipici difetti di errata carburazione, motore che strappa, che consuma troppo, che puzza eccessivamente e, spesso, non tiene il minimo regolare.

A volte, nonostante una nuova regolazione, il motore ritornerà al solito problema dopo pochi giorni per il fatto che la ECU di controllo tende ad autoregolarsi e a riportarsi ai valori che la stessa considera i migliori.

Non vi sono molte soluzioni al problema, a volte serve dover riprogrammare la centralina a valori volutamente starati per poter arrivare al giusto compromesso tra funzionalità ed efficienza. Anche il costo per una tale operazione è comunque abbastanza elevato e si andrebbe comunque a perdere la garanzia che la casa madre offre al dispositivo.
La soluzione con FastIdle è invece molto più semplice e immediata perché sarà il dispositivo stesso che modulerà il segnale della sonda lasciando lo stato della centralina alla configurazione originale.

Regolazione
A motore caldo ruotare il trimmer (posto sul fondo del contenitore) con un piccolo cacciavite in senso destro o sinistro fino ad arrivare al giusto numero di giri che si vuole ottenere dal motore. Aumentare il regime più volte con la leva dell’acceleratore e valutare se il minimo ritorna regolare, eventualmente riaggiustare il trimmer.
Il valore del minimo potrebbe variare anche al variare delle condizioni atmosferiche stagionali eventualmente riaggiustare se necessario.

Caratteristiche tecniche
Alimentazione di esercizio: 8-25 V (protetto da inversioni di polarità)
Consumo tipico (@13,8V): 6 mA 0,08W
Impedenza di uscita: circa 100 Kohm
Ampiezza d’uscita: regolabile da ~0,4Vpp a ~1,0Vpp

Connessioni
Il regolatore non deve sostituire la sonda esistente.

Per un ottimo lavoro collegare come dagli schemi qui sopra preferibilmente perforando (o sbucciando) gli isolanti, senza mai scollegare (né tagliare) i conduttori dei cablaggi originali verso la sonda primaria.

Il 2° schema in basso richiede un po’ più di esperienza e almeno un tester per poter scovare il positivo sotto chiave che alimenta il riscaldatore (solitamente è dello stesso colore), ha il vantaggio di non richiedere alcun cablaggio aggiuntivo.

E’ consigliato installare preferibilmente nelle vicinanze della centralina ECU e mai sul fondo del veicolo, per tener lontano il dispositivo da umidità, agenti ossidanti e fonti intense di calore.

Ulteriori informazioni sono disponibili su questa pagina.

E’ possibile scaricare il manuale d’uso del prodotto in PDF da qui.

Informazioni aggiuntive

Peso 01 kg
Dimensioni 50 × 20 × 16 mm
Questo articolo è stato pubblicato da admin. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.